Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa

DATA: 2019

NOME DEL FILE: Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa.pdf

AUTORE: Paolo Ercolani

Leggi il libro di Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa direttamente nel tuo browser. Scarica il libro di Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa in formato PDF sul tuo smartphone. E molto altro ancora su montagneinnoir.it.
Montagneinnoir.it Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa Image

In un pamphlet provocatorio e brillante, Ercolani racconta splendori e miserie di un fondamento della società moderna, forse sopravvalutato: il pensiero critico. «Il dramma della nostra epoca è che la stupidità si è messa a pensare» «Questo non sarebbe niente se l’intelligenza non si fosse messa a rimbecillire» - Jean Cocteau - Robert Poulet Che fine ha fatto la società aperta descritta da Karl Popper? Dove nasce «la gaia incoscienza» dei milioni di utenti che ogni giorno adoperano le tecnologie illudendosi che siano meri strumenti al servizio della loro volontà? Come siamo passati dall'intelligenza collettiva dell'opinione pubblica settecentesca al «delirio connettivo» di oggi? Quali danni permanenti ha prodotto il prevalere del pensiero debole? E, infine, la resistenza può arrivare dall'informazione e dalla scuola, come sono pensate e strutturate attualmente? Paolo Ercolani realizza un'agile, e allo stesso tempo impietosa anatomia filosofica della vita quotidiana: protagonisti siamo tutti noi, «figli di un io minore», informati su ogni cosa e in grado di parlare di qualsiasi argomento, senza però conoscere realmente nulla. È l'epoca della «società ottusa», dove non ci sono più punti di vista, non c'è prospettiva, ma solamente un pensiero unico. Neppure il dissenso è più possibile, perché non sappiamo da cosa dissentire e, soprattutto, come farlo. Nel frattempo ci chiudiamo sempre più in noi stessi, pronti a serrare i ranghi per respingere qualunque richiesta di aiuto, insensibili perfino davanti ai corpi di bambini inermi morti nel tentativo di raggiungere le nostre coste. Alla ricerca di nuovi scenari e soluzioni, Ercolani, parafrasando Popper, pone un interrogativo ineludibile: quale prezzo dobbiamo pagare per tornare a essere umani?

Come può aiutarci la filosofia a sciogliere i nodi davanti ai quali ci pone la società del nostro tempo? Quali grandi pensatori del passato hanno colto e descritto in anticipo l'egemonia del potere finanziario e il dominio della realtà virtuale in cui siamo immersi? E come è possibile oggi, a partire da quelle riflessioni, avviare un percorso per contrastare la crisi della democrazia ...

Acquista online il libro Figli di un io minore. Dalla società aperta alla società ottusa di Paolo Ercolani in offerta a prezzi imbattibili su Mondadori Store.

LIBRI CORRELATI